10 errori che i consulenti di viaggio dovrebbero evitare nel 2023

Paesaggio de Le Maldive - Foto di David Mark

Dalla primavera del 2020, quando la pandemia globale ha bloccato la vita in tutto il mondo, l’industria dei viaggi è stata sulle montagne russe. Anche dopo che le misure di isolamento sociale e le frontiere chiuse hanno iniziato ad allentarsi, l’industria turistica ha ancora molto da affrontare, inclusa la ricerca di modi per condurre affari in modi nuovi e più sostenibili tra gli impatti sempre più devastanti del cambiamento climatico e della devastazione ambientale. Poi, ha avuto inizio l’inflazione, facendo salire precipitosamente i costi mentre quelli del cibo, carburante e manodopera sono aumentati vertiginosamente.

TravelPulse ha chiesto agli agenti di condividere i loro pensieri sui principali errori da evitare nel prossimo anno e sulle maggiori domande e problemi che loro e i loro colleghi dovranno probabilmente affrontare nei prossimi 12 mesi.

1. Il mondo è cambiato radicalmente

Come consulenti, sappiamo tutti che il mondo dei viaggi è cambiato radicalmente. L’errore più grande da evitare nel 2023 sarà presumere che i nostri clienti lo sappiano“, afferma Jesse Morris di We Book Travel.

Abbiamo dedicato molto tempo ad aiutare i nostri clienti a prepararsi per i cambiamenti temporanei ai viaggi come utilizzare la mascherina, il distanziamento sociale e i requisiti di vaccinazione. Tuttavia, ci sono molti cambiamenti permanenti che i nostri clienti potrebbero ritenere solo temporanei“, ha aggiunto.

Quali sono alcuni degli sviluppi che sono qui per rimanere?

Piccole cose come i codici QR che sostituiscono i menu nei ristoranti sono probabilmente una parte permanente dell’esperienza di viaggio, così come il check-in senza contatto negli hotel e negli aeroporti e i tour virtuali delle famose attrazioni culturali.

Tutti questi cambiamenti guidati inizialmente dalla pandemia potrebbero continuare a far parte del panorama dei viaggi negli anni a venire e sarebbe un errore per gli agenti trascurare di affrontare la nuova realtà con i clienti. “Più prepariamo i clienti prima del viaggio, migliore sarà la loro esperienza complessiva“, afferma Morris.

Potrebbe interessarti  Turismo in Basilicata: le prospettive dopo l'emergenza Covid-19

2. Il costo del viaggio è aumentato ed è probabile che rimanga elevato

Un’altra area che dobbiamo essere pronti a discutere è il budget appropriato“, afferma Morris. “Il costo del viaggio aereo è aumentato. E man mano che le persone si abituano al fatto che i prezzi siano ai livelli attuali, meno è probabile che lo vedremo diminuire di molto, anche dopo che il personale e le rotte delle compagnie aeree saranno tornati a livelli più accettabili“.

Vale anche la pena notare che è probabile che i prezzi continuino a salire ancora di più per tutto il 2023, quindi questa realtà dovrà essere chiarita durante le conversazioni con i clienti.

Ci sono stime secondo cui le tariffe aeree aumenteranno di oltre l’8% nel 2023. Le persone che aspettano di prenotare l’aereo perché prevedono un calo probabilmente rimarranno deluse“, afferma Morris. “E quindi dobbiamo essere pronti a discuterne con i nostri clienti.

3. La formazione sarà essenziale nel 2023

La formazione per te e per i tuoi agenti è fondamentale quest’anno. Sii al top della tua agenzia, conosci le destinazioni, i requisiti, le compagnie turistiche e i dettagli del nostro settore “, consiglia Tammy Levent, fondatore di Elite Travel.

È probabile che i clienti facciano acquisti e confrontino le offerte, le competenze e le conoscenze di più professionisti. Educare te stesso in modo da distinguerti nella mente di un potenziale cliente sarà la chiave del successo.

Devi avere un punto di vista competitivo rispetto alla concorrenza“, afferma Levent. “Vivi e respira quello che vendi.”

4. Non lesinare sul budget pubblicitario e di marketing

Qualunque cosa tu faccia, non smettere di pubblicizzare o commercializzare la tua agenzia“, ​​afferma Levent. “Questo è un errore che facciamo, tendiamo a risparmiare denaro e a interrompere la pubblicità, quando questo è il momento in cui dobbiamo far conoscere di più il nostro nome. Se il tuo marchio non viene promosso sui social media e in altri canali, la tua agenzia ne sentirà sicuramente gli effetti“, afferma Levent.

5. Esprimi empatia e comprensione quando lavori con i clienti in tempi così incerti

Avrai clienti che hanno paura di andare in vacanza, assicurati di entrare in empatia con loro“, afferma Levent. Questi ultimi anni sono stati duri per tutti, privati ​​e aziende. Le brutali realtà della pandemia sono ancora in fase di elaborazione. E per molti, questo ha innescato un ritrovato apprezzamento per il valore della vita e quanto sia fugace. “Ci siamo resi conto che la vita è troppo breve e a nessuno, ovviamente, è garantito un domani”, continua Levent.

Potrebbe interessarti  VIDEO Digital Travel: il turismo del domani come sarà?

Forse un cliente sta cercando di trovare un modo per far funzionare il viaggio di tre settimane che sognava. Ma come professionista del viaggio, puoi portare l’empatia al tavolo di lavoro e aiutare quel cliente ad optare per un altro itinerario, destinazione o opzione ugualmente soddisfacente.

Se non ti prendi il tuo tempo con il tuo cliente, andrà altrove, ha bisogno di una mano in questi tempi difficili, le agenzie online non possono darglielo“, afferma Levent.

6. Fai il check-in regolarmente con i tuoi fornitori

Una comunicazione regolare ed efficace è essenziale per il buon funzionamento di quasi tutte le attività commerciali. Ma nel 2023 sarà particolarmente importante mantenere linee di comunicazione aperte con i fornitori.

Assicurati di avere solide relazioni con i tuoi fornitori“, afferma Levent. “Fai le tue ricerche e assicurati che siano stabili come lo erano prima del COVID e in grado di sostenere la nostra inversione di tendenza economica“.

Ciò è particolarmente critico perché se un fornitore cessa improvvisamente l’attività, cosa ne rimane di te e dei tuoi clienti? Levent suggerisce persino che i consulenti prendano in considerazione l’assicurazione contro il fallimento.

7. Abbraccia nuove forme di comunicazione nel 2023

Come parte dei tuoi sforzi per continuare a raggiungere nuovi segmenti di mercato e clienti, prendi in considerazione l’espansione o la diversificazione dei metodi di comunicazione che utilizzi.

I consulenti di viaggio dovrebbero abbracciare diverse forme di comunicazione come mezzo per raggiungere i consumatori di tutte le fasce d’età“, afferma Corey Hargarther, consulente di viaggio per Dream Vacations. “In passato, mi sentivo più a mio agio con i metodi tradizionali come la posta elettronica o il telefono. Ma il mese scorso, mi sono impegnato con un nuovo referente cliente quasi interamente tramite SMS e ho prenotato il suo viaggio la prossima primavera su Royal Caribbean.

Inoltre, sono stato contattato anche tramite Facebook Messenger all’inizio di quest’anno per una babymoon e ho scoperto che questo era di gran lunga il metodo più semplice per raggiungere questo cliente“, aggiunge Hargarther.

8. Non dare per scontato che i clienti seguiranno gli stessi comportamenti di acquisto che hanno seguito in passato

Dopo due anni di blocco a casa, i clienti potrebbero essere pronti a uscire dai modelli di viaggio del passato. In alcuni casi, questo può significare viaggiare in modo più lussuoso rispetto al passato.

Potrebbe interessarti  VIDEO Digital Travel: il turismo del domani come sarà?

Ad esempio, ho appena venduto un tour Globus Paris, Normandy & Châteaux Country con Londra per settembre 2023 per poco più di $ 10.000“, afferma Hargarther. “Quel cliente ha prenotato viaggi quasi ogni anno con la nostra agenzia dal 1997. Il tour accompagnato che ha prenotato è costato quasi il doppio delle vacanze precedenti.

Dato che i clienti hanno trascorso molto più tempo a casa negli ultimi tre anni, spesso spendono molto di più oggi di quanto avrebbero potuto fare in passato, afferma Hargarther.

9. Non porre troppa enfasi sui prezzi iniziali

Piuttosto che concentrarsi sui prezzi iniziali nel 2023, Hargarther afferma che gli agenti farebbe meglio a sottolineare il miglior valore complessivo (all inclusive).

Le compagnie di crociera come Celebrity, Norwegian, Princess e Holland America offrono spesso pacchetti con extra come mance, Wi-Fi e bevande, che costano molto meno se acquistati insieme alla crociera rispetto a quelli a bordo della nave”, spiega Hargarther. “Questa è un’opportunità vincente sia per il consulente di viaggio che per il consumatore.”

10. Continua a dimostrare il tuo valore con ogni cliente

Non si può negare il fatto che la pandemia di COVID-19 abbia provocato grandi sconvolgimenti e sfide per le aziende e gli individui in tutto il mondo.

Gli agenti di viaggio sono diventati più essenziali e, come esperti del settore, in grado di aiutare i clienti a navigare nel panorama in rapida evoluzione e nelle norme e nei regolamenti Paese per Paese.

Se ci sono stati degli aspetti positivi, è stata la visibilità che i consulenti di viaggio hanno ottenuto come esperti e una risorsa di riferimento per i viaggiatori, rispetto ai motori di prenotazione di viaggi online“, ha affermato Morris.

Ma col passare del tempo, le persone inizieranno a dimenticare quanto siano stati dolorosi gli ultimi anni e torneranno alle loro vecchie abitudini“, aggiunge Morris. “Dobbiamo essere diligenti nel dimostrare il nostro valore con ogni singolo cliente nel 2023 e oltre. Dobbiamo stare attenti e assicurarci che i clienti pensino prima di tutto a noi per ogni singolo viaggio. Se falliamo qui, sarà un errore fatale“.

Liberamente tratto e tradotto dal Blog di TravelPlus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to Top