30 strumenti di content marketing scelti da esperti

Il panorama del content marketing continua ad evolversi, con un’attenzione sempre maggiore alla comprensione delle intenzioni dei consumatori e alla fornitura di contenuti di qualità, pertinenti e affidabili.

E per soddisfare queste esigenze e richieste del tuo pubblico di destinazione, hai bisogno degli strumenti giusti per pianificare, scrivere, ottimizzare e promuovere correttamente il tuo lavoro migliore.

Quindi cosa tengono ora scrittori, editori, professionisti SEO, responsabili del marketing dei contenuti e altri nei loro toolkit di contenuti?

Searchenginejournal ha chiesto alla propria rete di esperti di contenuti quali strumenti utilizzano per migliorare la ricerca, la creazione, l’ottimizzazione dei contenuti e altro ancora. Dai un’occhiata agli oltre 30 strumenti di contenuto che consigliano, come li usano e perché ognuno ha un posto nel proprio toolkit.

Strumenti di ricerca e strategia sui contenuti

Esistono tre categorie di strumenti per la strategia dei contenuti che Alexis Sanders, SEO Director di Merkle Digital, trova davvero utili:

  • Strumenti di ricerca competitivi come Semrush e Ahrefs.
  • Tracker di parole chiave come Advanced Web Ranking o BrightEdge.
  • E crawler tra cui Screaming FrogOnCrawl , Botify e DeepCrawl.

Ciascuno degli strumenti offre le proprie funzionalità e report unici. Alcune delle sue caratteristiche preferite includono:

  • Il Keyword Magic Tool di Semrush per l’ideazione dei contenuti.
  • Advanced Web Ranking per la sua capacità di integrarsi perfettamente in GDS per il reporting a livello di parola chiave.
  • Segnalazione di contenuti duplicati di OnCrawl e interpretazione di cluster canonici e non canonici.
  • Estrazione ad hoc e opzioni di ricerca personalizzate all’interno di Screaming Frog.

Kayle Larkin, SEO Strategist e proprietaria di Larkin SEO, ha condiviso i suoi strumenti preferiti:

  • Google Analytics, per vedere quale tipo di contenuto aiuta nelle conversioni (e il suo tasso di conversione).
  • Google Search Console per esaminare la percentuale di clic e i modelli di backlink.
  • Ahrefs per il monitoraggio della condivisione organica della voce.

Miranda Miller, caporedattore qui al Search Engine Journal, utilizza BuzzSumo per vedere quali contenuti su un determinato argomento stanno già ottenendo trazione. La prima cosa che voglio sapere quando considero di scrivere su un dato argomento è cosa c’è già all’esterno. Chi altro sta parlando di questo? Quali riprese sono più popolari?” Miller utilizza anche AnswerThePublic.

Strumenti per la scrittura e l’ottimizzazione dei contenuti

Daniel Smullen, Head of SEO at Mediahuis Ireland, ha condiviso il seguente elenco di strumenti che i marketer di contenuti dovrebbero utilizzare durante la ricerca, la scrittura e la gestione di progetti di contenuti.

  • Google Docs per la scrittura con l’ estensione Grammarly per la modifica.
  • Un sistema software di project management come Notion per la pianificazione dei contenuti.
  • Uno strumento di ricerca per parole chiave come Ahrefs per approfondimenti sulle parole chiave.
  • Un assistente di scrittura SEO all-in-one come Neural Text per la ricerca di argomenti, l’identificazione di entità simili utilizzate nei primi 10 URL di classifica e la ricerca di domande basata sull’argomento.

Per i contenuti di testo, Laura Herman, CEO di Mint Marketing Inc, consiglia Surfer SEO, che è utile per capire quale contenuto è necessario o cosa potresti usare. Per i contenuti video, prenderò quasi tutte le piattaforme che possono aiutarmi a creare contenuti accattivanti e dall’aspetto professionale“, ha aggiunto Herman.

Morgan Flores, Sr Manager of Content & SEO di Clutch, ha affermato che sebbene utilizzi molti strumenti nel corso del suo lavoro, ha tre preferiti.

Utilizzo Google Analytics per l’analisi complessiva del traffico, il coinvolgimento degli utenti e le tendenze. Ahrefs è la mia prima scelta per il monitoraggio delle parole chiave, la ricerca di parole chiave e l’analisi della concorrenza. Uso anche l’estensione di Chrome per il cambio di posizione GS per falsificare la mia posizione di ricerca nei browser “, ha spiegato Flores.

Cynthia Hoy, specialista SEO e scrittrice autonoma, ci ha detto che utilizza l’ app Hemingway per catturare e correggere esempi di voce passiva nei suoi contenuti. “Ora che ho migliorato la mia voce passiva, sto lavorando sulle parole di transizione”, ha aggiunto.

Miranda Miller ha condiviso qui i suoi strumenti di scrittura online preferiti . Oltre a quelli sopra menzionati, questi includono:

  • Strumento di test di leggibilità Flesch-Kincaid di WebFX per migliorare la leggibilità dei contenuti.
  • OneLook Thesaurus per trovare sinonimi e termini simili che possono rendere la tua scrittura più ricca, meno ripetitiva e più interessante da leggere.
  • Frase.io, InLinks o MarketMuse per l’analisi delle SERP, argomenti ed entità correlati, analisi della concorrenza e altri approfondimenti sui contenuti assistiti dall’intelligenza artificiale.
  • Google Scholar per aver trovato informazioni affidabili, rispettabili e spesso sottoposte a revisione paritaria.
  • Yoast come controllo SEO finale sulla pagina prima di premere Pubblica.

Promozione dei contenuti

Alexandra Tachalova consiglia di riproporre i contenuti come un modo eccellente per promuoverli.

Canva o Venngage, ad esempio, sono due semplici opzioni di progettazione drag-and-drop che ti consentono di creare rapidamente e facilmente immagini eroiche, infografiche, grafica social e altro ancora per aumentare i tuoi contenuti scritti.

Tachalova consiglia inoltre di provare RawShorts per una produzione video rapida e semplice utilizzando i contenuti esistenti. (Biteable è un altro videomaker con filmati, animazioni ed effetti che potresti voler provare.)

Da parte sua, Kari DePhillips, CEO di The Content Factory e co-fondatrice del gruppo Facebook Sisters in SEO, ha dichiarato: “Uscirò dagli schemi qui e dirò Mixmax, che è uno strumento di posta elettronica“. DePhillips ha fornito tre motivi per cui ha raccomandato tale piattaforma:

In primo luogo, a $ 12 al mese, è il mio miglior rapporto qualità-prezzo per il mio investimento.

In secondo luogo, mi consente di tenere traccia di tutte le e-mail aperte (sì, posso vedere quando i clienti aprono le e-mail di fattura che affermano di aver perso…)

E terzo, i loro modelli sono un tale risparmio di tempo. Ricevo almeno 10 richieste di backlink/guest post al giorno e alcune di queste persone mi seguono incessantemente.

Mi piace ancora Hootsuite per la pianificazione sociale. Sendible , Loomly e CoSchedule sono buone opzioni per personalizzare i tuoi contenuti e programmarli anche per varie piattaforme social.

Conclusione

Ognuno ha pro e contro e caratteristiche che possono essere interessanti per alcuni utenti ma non per altri. Dai un’occhiata, fai una demo e scopri quale si adatta meglio alle tue esigenze. Troverai nuovi modi per automatizzare i processi che richiedono tempo, ottimizzare meglio i contenuti per soddisfare le intenzioni degli utenti, migliorare la qualità e il tono della tua scrittura e altro ancora.

Fonte Searchenginejournal

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto
×