Competenze giornalistiche vs scrittura per i brand: cosa devi sapere

In un panorama digitale in rapida evoluzione, la linea tra il giornalismo e il content marketing sta diventando sempre più […]

Giornalismo vs content marketing Foto di Thought Catalog /U

In un panorama digitale in rapida evoluzione, la linea tra il giornalismo e il content marketing sta diventando sempre più sfumata. A prima vista potrebbero sembrare mondi completamente diversi ma se si scava un po’ più a fondo emergono sorprendenti somiglianze. Come si inseriscono le competenze tradizionali del giornalismo nel moderno panorama della scrittura per i brand? Preparati per un viaggio che non solo cambierà la tua percezione di queste discipline ma potrebbe ridefinire il tuo approccio alla comunicazione nell’era digitale.

La mentalità del content marketing

Il content marketing ruota attorno alla narrazione del brand. Ciò significa che, a differenza del giornalismo, non c’è bisogno di essere imparziali. In alcune storie, potresti promuovere direttamente i benefici di un prodotto, mentre in altre sarà meno evidente. In ogni caso, stai scrivendo a nome del brand.

Il content marketing è la narrazione con l’obiettivo di ispirare qualcuno ad agire“, afferma Anne Miller, senior managing editor di Visor. “Forse quell’azione consiste semplicemente nel conoscere l’azienda, o forse l’obiettivo è prenotare una dimostrazione o effettuare una vendita“.

Allontanarsi dall’imparzialità e scrivere con l’obiettivo di promuovere un brand o un prodotto può essere difficile. Ecco alcuni consigli rapidi:

  • Includi prove di competenza rilevanti, ma evita di citare dati o collegarti a siti web concorrenti o ricerche.
  • Sappi come concludere una storia con un’invitante call to action.
  • Integra in modo organico termini SEO e nomi di brand nel testo.
  • Inserisci collegamenti ad altri contenuti del brand quando possibile.

Lo scopo del content marketing è attirare, coinvolgere e fidelizzare un pubblico attraverso contenuti pertinenti. Questo approccio costruisce fiducia, aiuta il brand a raggiungere più persone e assicura che diventi il primo pensiero quando qualcuno è pronto ad acquistare.

Poiché ogni pezzo di contenuto è progettato per catturare un lettore e indurlo ad agire il più rapidamente possibile, non è il luogo adatto per uno stile più letterario. “Non avevo riflettuto molto sul mio stile di scrittura da giornalista finché non ho iniziato a fare content marketing”, afferma la giornalista Nell Walker. “È diventato rapidamente evidente che il mio stile era, in realtà, troppo floreale e formale per il content marketing. Adattarsi a uno stile di scrittura più conciso e incisivo è stato un vero processo di apprendimento”.

Il processo di revisione (spesso lungo)

Un’area in cui molti giornalisti si bloccano è il processo di revisione. Molti clienti di content marketing assumono che le revisioni siano incluse nella tariffa, quindi è sempre bene essere chiari sul numero effettivo: due round di revisioni sono abbastanza standard.

Quando si scrive per un giornale o una rivista, probabilmente solo il tuo editor apporterà modifiche all’articolo o chiederà revisioni. Nel content marketing, sono coinvolti molte più persone. Hai comunque un editor, ma il pezzo potrebbe passare anche attraverso il team del prodotto, il responsabile del marketing, il team legale e il team dei social media.

Affrontare così tanti punti di contatto potrebbe richiedere del tempo prima di ricevere una richiesta di revisione e, quando la ricevi, potrebbe esserci molti commenti da diverse persone. In questi casi, devi essere flessibile con il tuo testo, soprattutto se non viene pubblicato con il tuo nome: potresti non essere d’accordo con le loro modifiche. Tuttavia, è meglio soddisfare tali richieste il più possibile e affrontarle con una mentalità di servizio al cliente.

Alcuni clienti di content marketing potrebbero considerarti come un’estensione del loro team a tempo pieno e aspettarsi una risposta immediata. Per questo motivo, è bene stabilire le aspettative di tempi all’inizio del progetto.

Competenze giornalistiche utili nel content marketing

Quando si lavora nel content marketing, potrebbe essere necessario lasciare alcune competenze giornalistiche da parte o adattare il proprio approccio. Le competenze di ricerca e intervista saranno apprezzate ma in contesti diversi.

All’inizio mi è stato difficile abituarmi al lavoro di content marketing basato solo sulla ricerca da scrivania, senza interviste“, afferma Rachel Smith, giornalista freelance. “Provenendo da un’esperienza in una rivista in cui tutto era basato su interviste, è stata una curva di apprendimento“.

Se stai scrivendo un articolo di thought leadership, eccellenti competenze di intervista ti aiuteranno a ottenere informazioni da esperti che potrebbero firmare il contenuto. In questo caso, l’intervista ti fornisce anche un’idea della voce e dello stile di comunicazione dell’esperto che può essere applicato alla storia.

Le interviste possono anche rendere una storia più vivida e farla risuonare con il pubblico. Sia che tu lo faccia come parte di uno studio di caso o per aggiungere un tocco in più a un ebook ricco di dati, questo può aiutare il tuo lavoro di content marketing a distinguersi. Gli strategist dei contenuti spesso trascurano il potere di una citazione da una terza parte in un contenuto, spesso perché non pensano come giornalisti. Quindi, considera di proporre idee che sfruttino il tuo set di competenze.

I giornalisti eccellono anche nel creare l’ambientazione e nel far sì che il lettore si interessi alla storia nel contesto più ampio. La scrittrice freelance Kimmy Gustafson spiega: “Per me gli articoli giornalistici includono il chi, cosa, quando, dove, perché, come e quindi cosa. Scrivo articoli di giornalismo per riviste a lunghezza maggiore e dedico spazio alla descrizione dell’ambientazione e degli eventi“.

Questo è qualcosa che i content marketer possono fare per coinvolgere il lettore. Spesso, i lettori possono sentirsi allontanati da qualcosa che sembra troppo commercializzato, quindi creare l’ambientazione in un modo più giornalistico può aiutare ad attirarli.

I brand cercano comunicatori competenti

Anche se il content marketing e il giornalismo possono sembrare due realtà molto diverse, entrambi offrono opportunità per far crescere la propria attività freelance. I brand sono sempre alla ricerca di writer che possano applicare le loro competenze nel contesto del content marketing, mantenendo al contempo un focus sul cliente. Mostrare queste competenze nel proprio portfolio può aiutare a espandere il proprio elenco di clienti e diversificare i tipi di incarichi ricevuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto
×