Cosa sbagliano le aziende sul content marketing

L’inbound marketing è un’esca che attrae aziende di ogni tipo ma pochi comprendono gli sforzi necessari per avere successo. Dopo un po’  “Abbiamo provato il content marketing ma non ha funzionato per noi”. Lo sento da potenziali clienti tutto il tempo.

Gli imprenditori sono scettici sull’effettuare un investimento che potrebbe non andare a buon fine, quindi diventano cauti e sono pronti a staccare la spina al primo segno che stanno sprecando denaro. Non è scontato che non stiano buttando soldi. C’è un’epidemia di content marketing poco convinto in giro che sta dando una cattiva reputazione all’intera filosofia inbound.

Quindi, quando sento potenziali clienti dire che hanno provato il content marketing ma non hanno visto risultati, questi potrebbero essere i motivi.

Perché i tuoi sforzi di content marketing potrebbero mancare il bersaglio

Il content marketing non è nuovo. Le idee esistono da decenni. Nessun professionista aziendale non ha familiarità con un blog, il traffico dei motori di ricerca o i social media.

I blog della maggior parte delle aziende hanno contenuti vaporosi ed egocentrici: immagini della loro giornata di pulizia al parco locale, articoli in stile comunicato stampa su promozioni e vincitori del dipendente del mese. Oppure è pieno di contenuti che sembrano derivati ​​e identici a mille altri articoli su Internet. Non mi sorprende che questo tipo di contenuto non sia riuscito a portare clienti. Sforzo insignificante, risultati insignificanti.

Abbiamo provato il content marketing…

Rappresenti una di quelle aziende che hanno “provato” il content marketing solo per vedere risultati scadenti? Scommetto che ne hai ricavato quello che ci hai messo. Ciò accade per alcuni motivi fin troppo comuni. Ho visto dozzine di aziende fallire a causa di questi stessi pochi errori.

1. Non era un chiaro il proprietario del tuo content marketing

Se il content marketing è qualcosa che viene aggiunto ad altre responsabilità, cadrà nel dimenticatoio. Non puoi chiedere a qualcuno che ha già un lavoro a tempo pieno di produrre e implementare anche una strategia di content marketing completa. Questo di per sé è un lavoro a tempo pieno.

2. Hai giocato sul sicuro

Per me, il content marketing riguarda l’educazione del cliente. Si tratta di creare fiducia ed essere trasparenti in modo che i tuoi potenziali acquirenti possano accedere alle informazioni di cui hanno bisogno per diventare clienti. Ciò significa che devi affrontare argomenti spinosi. Ciò significa che devi offrire onestà invece di un tono di vendita. Quando diciamo alle aziende che devono comunicare ai loro acquirenti gli svantaggi e le carenze specifici dei loro prodotti, alcuni decidono di andare sul sicuro, vanificando l’intero sforzo.

3. Non avevi una struttura

Se non hai un piano, non andrai molto lontano. Un framework ti offre struttura e parametri di riferimento. Senza di esso, hai congetture e incoerenze, che possono portare rapidamente alla frustrazione.

4. Hai assunto un’agenzia scadente per produrre i tuoi contenuti per te

Il motivo per cui ho visto fallire la maggior parte delle iniziative di content marketing è che le aziende assumono agenzie o liberi professionisti mal preparati. All’inizio sembra una buona idea ma i risultati sono quasi sempre deludenti. A volte producono lo stesso contenuto insipido e simile a tutti gli altri del tuo settore ma con te non funzionano.

… Ma non ha funzionato per noi.

C’è qualcosa da spacchettare anche qui. Cosa vuoi dire che non ha funzionato per te? Come pensavi di misurare il successo? Qualsiasi iniziativa di marketing deve essere misurata per essere valutata e tali misurazioni hanno bisogno di un contesto per avere un significato.

Errori che i leader aziendali commettono nelle loro strategie di content marketing

Errore uno: concentrarsi sulle metriche sbagliate

La canalizzazione in entrata è un’idea convincente: se ottieni abbastanza traffico sul tuo sito, una percentuale di quel traffico si trasformerà in lead e una percentuale di quei lead si trasformerà in vendite. Quindi le persone presumono che più traffico equivarrà a più vendite. Non necessariamente. Sebbene il traffico organico sia importante, può anche essere una metrica di vanità che ti distrae dagli obiettivi più importanti .Immagina questo:

  • L’articolo A riceve 10.000 visualizzazioni al mese e porta 10 clienti.
  • L’articolo B ottiene 2.000 visualizzazioni al mese e porta 20 clienti.
  • L’articolo C ottiene 500 visualizzazioni al mese e porta 50 clienti.

Troppo spesso le aziende inseguono l’articolo A, impegnandosi in contenuti ad alto traffico che non finiscono per convertire i visitatori in clienti. Il che ci porta al nostro secondo errore.

Errore due: non coinvolgere le vendite

L’approccio inbound non è solo di marketing. In effetti, se lo limiti al solo marketing, riduci i risultati. L’inbound riguarda tanto le vendite quanto il marketing.

Se non coinvolgi il tuo team di vendita nel tuo content marketing è più probabile che tu produca una libreria di contenuti di tipo Articolo A. Gli esperti di marketing adorano vantarsi della portata e cosa c’è di più incoraggiante di migliaia di visitatori del sito?

Il team di vendita riporterà il tuo team di marketing con i piedi per terra. Poiché i tuoi rappresentanti di vendita ascoltano clienti effettivi ogni giorno, conoscono le domande che i tuoi potenziali clienti stanno effettivamente ponendo. Sanno perché l’articolo C è il miglior investimento del tempo della tua squadra.

La promessa del content marketing

Capisco che le aziende iniziano nel content marketing per una serie di motivi. Ma nella maggior parte dei casi, l’obiettivo è aumentare le entrate. Il riconoscimento del marchio è ottimo ma per la maggior parte delle aziende con cui lavoro conta solo se si traduce in vendite dall’altra parte della canalizzazione.

Quando sento i leader aziendali dirmi che il content marketing non ha funzionato per loro, è spesso dovuto al fatto che stavano inseguendo le metriche del riconoscimento del marchio (traffico organico, coinvolgimento sui social media, ecc.) – e probabilmente stavano lavorando con un’agenzia scadente o impegnandosi in uno sforzo incoerente.

Non sorprende che i risultati non si siano concretizzati.

Per ottenere il marketing dei contenuti giusto, dobbiamo familiarizzare con i veri obiettivi che contano , formare i nostri dipendenti per l’eccellenza ed essere pronti per un impegno a lungo termine. Qualsiasi cosa in meno produrrà risultati scadenti.

Tratto da Hubspot

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto
×