Pubblicato il

Ho letto con interesse un bell’articolo di Marco Mura che analizza in dettaglio la notizia diffusa qualche giorno fa, circa il sorpasso di facebook ai danni di Google.

Tutto questo accade negli USA. Marco Mura, nella sua esauriente analisi, evidenzia degli aspetti a cui ho sempre prestato attenzione. Prima di tutto bisogna capire cosa significa effettuare un sorpasso. Secondo i dati diffusi negli ultimi giorni, il 7,07% degli americani ha visitato Facebook mentre “solo” il 7,03% ha usato Google. Marco Mura fa notare, però, che Google oramai non è solo ricerca organica ma è anche Google Maps, GMail e Youtube con il quale Google raggiunge l’11,03% degli americani superando così anche il rivale di sempre, Yahoo! (10,98%). 

Altro dato da prendere con le pinze è quello sul numero di ore trascorse sui due mega siti: 5 ore e mezza su Facebook e 2 ore e mezza su Google. A tal proposito cito una frase che mi è stata riferita da un barista. Nel locale di questo barista c’è sempre gente perché, come nella migliore tradizione della provincia italiana, in questo bar si gioca a carte. Nel bar a pochi metri, invece, al banco ci sono poche persone. Il barista, al quale avevo fatto notare questa differenza, un giorno mi disse: diffida di quelli che frequentano il mio locale, giocano a carte e stanno ore ed ore seduti senza consumare, il bar del vicino, invece, è frequentato solo da chi è di passaggio, sosta pochi minuti ma consuma sempre. Ho preso in prestito questo aneddoto per dimostrare, sebbene non ve ne era bisogno, che le ore spese su facebook sono logiche (facebook è un luogo di chat) ma non sempre sono redditizie (i pubblicitari conoscono l’argomento). E poi, Google punta alla velocità del suo motore nel restituire risposte, facebook no.
Ritornando all’analisi di Marco Mura, si nota come l’unico elemento usato per misurare la grandezza di facebook nei confronti di Google è stato il volume di  accessi e non il volume di affari che da sempre contraddistingue un’azienda. E poi: perché mettere a confronto facebook e Google? A mio avviso non sono due servizi sovrapponibili ma assolutamente complementari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *