La SEO è morta, viva la SEO!

Nel titolo di questo post prendo in prestito una frase di Nereo Sciutto che durante il GT Forum di Riccione ha riferito sulla SEO e la situazione italiana, per raccontare un piccolo aneddoto.
Possiedo una casella di posta privata che non ha il mio nome ma un vecchio nick. E’ una mail assolutamente consumer tant’è che ha come dominio un portale noto nei primi anni del 2000.

Mi arriva una mail e il filtro antispam di Outlook la filtra. Mentre stavo per svuotare la cartella indesiderata ho buttato un occhio veloce sul contenuto che mi ha incuriosita e allo stesso tempo infastidita. In pratica la società “spammatrice”, italiana, dichiara di poter fare i miracoli sul posizionamento di un sito con chiavi automatiche ma “naturali” e posizionamento più o meno garantito. Questi signori, insomma, sembra abbiano inventato il brevetto tanto sognato dai SEO. Nelll’email si legge:

Gentile Direttore
Abbiamo recentemente sviluppato una nuova soluzione per dare visibilità al tuo sito web: SEO No Limits.
Consiste in una piattaforma per l’ottimizzazione dinamica dei contenuti del sito web, svincolata da limiti sul numero delle keywords o delle pagine indicizzate.
É possibile, quindi, creare e gestire un numero illimitato di parole chiave. Tutti i contenuti gestiti dalla piattaforma divengono pagine ottimizzate e quindi, indicizzate in modo naturale dai motori di ricerca.
Punti di forza
* posizionamento naturale
* nessun limite al numero di parole chiave
* nessun intervento invasivo sul sito
* indicizzazione rapida
* posizionamento nelle prime posizioni
SEO No Limits: veloce, semplice, efficace e remunerativo.
OFFERTA LANCIO: risparmia fino al 33%
In occasione del lancio, questo nuovo servizio viene offerto con una formula estremamente vantaggiosa, come descritto nel documento in allegato.
Contattaci per scoprire come funziona SEO No Limits e verificare i risultati conseguibili.

Una piattaforma miracolosa, non c’è che dire. Non aggiungo altro, credo che questo messaggio si commenti da solo. La SEO è morta, viva la SEO!

Lascia un commento